mercoledì 16 maggio 2007

Doppio Steve McQueen


Se sei sulla quarantina come me... quasi sicuramente non puoi non ricordarti del "discone" che i Prefab Sprout fecero uscire nel 1985. Ci sono album che cambiano la vita, che ti lasciano dentro un qualcosa di intenso, di magico... a tal punto che poi non puoi più farne a meno. Sono quegli album che rappresentano mirabilmente te stesso, la tua persona, il tuo modo di essere, la tua maniera di vivere le emozioni. "Steve McQueen" è sicuramente uno di quei dischi!!! I Prefab Sprout erano una pop-rock band inglese proveniente da Newcastle, che raggiunse un grande successo negli anni '80. Il gruppo era formato dal carismatico Paddy McAloon che era contemporaneamente leader cantante, chitarrista e tastierista della band, personaggio dal carattere schivo e dallo stile a cavallo fra Andy Partridge degli XTC ed Elvis Costello (gli Sprouts aprirono alcuni suoi concerti nel 1983), Wendy Smith voce e chitarra, Martin McAloon al basso e Neil Conti alla batteria. Ad un primo ascolto potrebbe apparire un album molto leggero, ma attenti e ripetuti ascolti rivelanose un prodotto estremamente curato, sia negli arrangiamenti, sia nei testi, sia nella tecnica dei musicisti. Si tratta di un album pop-rock molto solare e ispirato. Con questo lavoro i Prefab Sprout hanno rappresentato gli anni '80 attraverso canzoni profonde e di grande sentimento. Un disco di una freschezza invidiabile, che sembra uscito ieri, profondamente originale. Attuale, malinconico, ma soprattutto... unico!

Oggi la Legacy Recordings, attenta sia ai grandi nomi che a quelli meno celebrati dai network, confeziona una doppia ristampa molto valida, che farà piacere non solo alle nuove generazioni ma anche ai fan che ancora custodiscono, gelosamente, una copia del 33 giri in vinile. La produzione di Thomas Dolby resiste piuttosto bene alla prova del tempo e si notano una maggiore pulizia nel suono e un'immagine sonora più ampia e convincente rispetto alla precedente edizione su compact disc. Il libretto è sobrio ed essenziale, con un nuovo articolo scritto da Paul Lester, caporedattore della rivista Uncut. Il 2° cd, la chicca di questa edizione, contiene 8 brani tratti dagli 11 dell'album originale, rivisitati in versione unplugged da McAloon l'anno scorso! L'ho acquistato da una settimana circa e non riesco a sostituirlo dal lettore...
Piccola curiosità: "Steve McQueen" negli Stati Uniti uscì con il titolo ‘'Two Wheels Good‘' perché gli eredi del celebre attore non permisero l'utilizzo del suo nome.
In conclusione... non fatevelo sfuggire!

2 commenti:

Anonimo ha detto...

ma dai...non ricordo il cd...solo il nome...assomigliavano per caso anche agli ABC? Non ho riferimenti...indago...
Alberto

Varan ha detto...

Poco a che fare con gli ABC... molto più intensi sia dal punto musicale che testuale... veramente un'altra nusica!